Sistema Ego-Mente e il Sistema di Credenze

CANALIZZAZIONE DAI REGISTI AKASHICI UNIVERSALI

“[…] È già noto come attraverso il corpo si compiano esperienze a più livelli. 

Quando una vibrazione animica (n.d.r. nel canale l’Anima viene definita come una vibrazione specifica delle infinite vibrazioni che compongono la Fonte Universale di Energia) sceglie di vivere l’esperienza corporea, si sta sottoponendo ad una condizione obbligata e comune a tutti gli esseri incarnati: lo stato di identità.

Lo stato di identita è una condizione data a prescindere dal livello di consapevolezza che si è scelto.

Questo è infatti parte integrante dell’esperienza corporea, poiché se è dato un corpo è data anche una mente e lì dove c’è una mente c’è necessariamente la percezione di un sé. Qualunque vibrazione incarnata in un corpo (e questo vale per tutti gli esseri viventi) inizierà inevitabilmente a concepirsi come un sé esistente e svilupperà tutta una serie di meccanismi biologici e mentali. Nei sistemi viventi più complessi (in primis l’essere umano) questi meccanismi si svilupperanno fino a formare un vero e proprio sistema: il sistema Ego-Mente (pensieri, emozioni, impulsi, ecc…).

Nel caso dell’essere umano, esso esperisce la capacità di azione attraverso il proprio corpo già allo stato fetale. Si passa poi da uno stato di dipendenza a vari livelli (fase fetale-neonatale) all’acquisizione di un’indipendenza espressa nel movimento, nella comunicazione e nella capacità individuale di scelta (infanzia) per arrivare a raggiungere l’indipendenza su tutti i livelli (adolescenza prima ed età adulta poi). 

Dato per assunto il concetto innato di percezione del sé sarà inevitabile la percezione dell’altro da sé e dunque dell’esterno.

L’esterno influenza l’individuo da subito e già nella scelta animica della famiglia e del luogo geografico in cui nascere e crescere, sono implicite le condizioni funzionali al proprio percorso evolutivo.

Perché l’esperienza possa manifestarsi a tutti i livelli è infatti necessaria la strutturazione del sistema Ego-mente.

Non è possibile eliminare l’Ego e i processi mentali. L’ego è l’Io e non può esserci vita terrena senza un Io. 

L’Ego va incorporato come strumento fondamentale per il processo di crescita e sanazione delle proprie memorie di esperienza. 

Attraverso l’Ego, infatti, si ricevono i segnali del percorso. Quando l’Ego entra in resistenza o in affinità con qualcosa (che sia una situazione, una persona, un’emozione, una forma pensiero o una manifestazione fisica) allora lì c’è un segnale, vuol dire che si è di fronte ad una tappa ben precisa del percorso. Tutto ciò che non attira l’attenzione dell’Ego è solo una situazione di contorno. 

Affinchè il sistema Ego-Mente possa strutturarsi sarà necessario acquisire tutta una serie di idee e convinzioni che vengono proposte e inoculate dal mondo esterno ( famiglia, religione, società, cultura, ecc…). L’insieme di tutte queste convinzioni è detto sistema di credenze.

Grazie al sistema di credenze si manifesterà la  capacità di processare gli eventi e di attrarre le situazioni necessarie a compiere il percorso di vita. 

Dal sistema di credenze deriveranno dunque tutti i processi emozionali, mentali e fisici dell’individuo.

Attraverso le credenze limitanti o rafforzanti che verranno acquisite come verità profonde e inconsce si andrà a costruire tutto il sistema di identità della persona. 

Il concetto di dualità, la legge degli opposti, le categorie di bene e male, i criteri di giudizio e, in generale, la morale dell’individuo saranno costruiti intorno al sistema di credenze acquisito.

È impossibile non essere soggetti all’influenza del sistema di credenze così come è impossibile sfuggire ai meccanismi dell’Ego.

Così come è possibile per l’Ego, si può imparare a utilizzare il sistema di credenze a vantaggio del percorso correggendo le credenze limitanti non più funzionali in credenze rafforzative.

Nel Sistema Tet9 questo lavoro potrà essere facilitato attraverso la tecnica di bilanciamento degli emisferi cerebrali e attraverso il lavoro frequenziale sul linguaggio e sul suono.

Lavorando in questo modo si può riuscire ad allineare il segnale di frequenza andando ad attrarre esperienze differenti da quelle che si sono attratte fino ad ora.

Molto spesso, infatti, non si riesce ad ottenere ciò che si vuole non perché non ci sia accordo con la propria vibrazione animica ma solo perché il segnale trasmesso attraverso la mente è distorto a livello inconscio.

Tutte le credenze sono funzionali, anche quelle limitanti. Servono proprio perché possano essere captati dei segnali particolari. 

A volte però la mente ha difficoltà a modificare e/o abbandonare la credenza limitante quando non è più funzionale. Quando questo si verifica, la mente continua a trasmettere quella frequenza a livello inconscio poiché si è creato uno squilibrio tra gli emisferi oppure perché la credenza viene continuamente alimentata attraverso il linguaggio in maniera automatica e inconscia (intercalare nel linguaggio e modi di dire acquisiti)[…].”

Per sapere di più riguardo questo argomento consigliamo la lettura di un testo fondamentale: “La biologia delle credenze” di Bruce Lipton.

Per approfondire la questione e valutare come stiamo lavorando con il nostro sistema di credenze, è possibile richiedere una consulenza con il Sistema Tet9 per andare a comprendere le origini di qualsiasi squilibrio si stia manifestando.